giovedì, luglio 01, 2010

TORTA MIMOSA

Lasciamo un attimo da parte le torte di pannolini e preoccupiamoci di una torta normale.
Questo è un tentativo per una torta che dovevo realizzare per un pic nic di Pasquetta.
Penso la si possa definire una sorta di torta Mimosa rivisitata a modo mio!
Parto da una base di pan di Spagna
La ricetta arriva da Coquinaria,non sono però in grado di risalire all'autore preciso, di questo mi scuso e chiedo venia:
12 uova intere
400 gr di farina
100 gr di fecola
400 gr di zucchero
vanillina\io uso solo estratto di vaniglia naturale (colpa della mucca che mi ha messo in testa che la vanillina pizzica)
2 cucchiaini di lievito
2 cucchiai di acqua.

Ho visto che questa dose in genere mi basta per due teglie da 26cm di diametro.
Per questa prova ho usato 2 uova ed uno stampino da circa 12 cm di diametro.


L'ho scavata bene all'interno.
Ho preparato una crema pasticcera molto carica. Ognuno ha una sua ricetta, io amo usare quella di Salvatore De Riso, forse un po' rivisitata:
350ml di latte
150 ml di panna
180 gr di tuorli ( in gere 9\10 tourli)
180 gr di zucchero
35 gr di amido di mais
la scorza di almeno 3 limoni profumati.

Il procedimento è sempre lo stesso: faccio bollire il latte con le scorze di limone. Intanto mescolo con una frusta uova, panna, zucchero e amido in una pentola antiaderente, poi ci verso su il latte bollente e porto sul fuoco mescolando fino a cottura.

A questa crema pasticcera ho aggiunto, in parti uguali, della meringa, con la ricetta di Maffo, vale a dire 100 gr di albumi
200 gr di zucchero
un pizzico di amido
1 cucchiaio di aceto di mele


In questo modo ottengo una chantilly molto molto corposa.



con una sac à poche metto la crema all'interno del pan di spagna, completo con qualche lampone e poi  ricopro con un un altro po' di chantilly.



un bel ricciolo sopra e anche tutto intorno.

Poi taglio il pan di spagna avanzato a cubetti e lo posiziono sopra la crema.



e per finire lo zucchero a velo!



Fortunatamente è piaciuta molto!!!

0 piume muccate:

Posta un commento